#CSRoma2015: Passione e ispirazione, prepararsi al futuro

newsletter 7/15 - 20 aprile 2015 

#CSRoma2015: Passione e ispirazione, prepararsi al futuro
Il 6 maggio il Salone torna a Roma. Grazie alla collaborazione di Anima per il sociale nei valori d’impresa, LUISS Guido Carli e NeXt - Nuova Economia per Tutti, è stata organizzata la seconda edizione della tappa romana de Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale.
In programma un evento in plenaria la mattina, quattro seminari pomeridiani e un evento di chiusura con la premiazione degli Oscar della Sostenibilità, un concorso per supportare progetti di sostenibilità territoriale.

L’evento di apertura, oltre al saluto delle istituzioni, prevede tre sessioni di approfondimento sui temi: Professione CSR: quali competenze per il futuro?; CSR e giovani: le imprese incontrano gli studenti; CSR e catena di fornitura.
Tutte le sessioni saranno concluse con interventi di rappresentanti degli studenti di alcuni atenei e scuole di specializzazione: Angelicum, La Sapienza, LUISS, Tor Vergata, Unitelma Sapienza.

Nel pomeriggio i quattro seminari in calendario affronteranno temi caldi della CSR: civic crowdfunding, progetti collaborativi sul territorio, innovazione dal basso, welfare aziendale.

In chiusura saranno sintetizzati alcuni spunti emersi durante i seminari e raccolti dai Giovani Reporter Sostenibili, studenti dei diversi atenei romani.

 

Case dell’Acqua. Molto più di una fontana
Le Case dell’Acqua realizzate dal Gruppo CAP sono moderni impianti per la distribuzione di acqua naturale e frizzante. Evoluzione delle tradizionali fontane, sono costruite all’interno di parchi e spazi pubblici e studiate per inserirsi armonicamente nell’ambiente.
Le Case dell’Acqua distribuiscono acqua di rete, la stessa dell’acquedotto cittadino. Proprio come l’acqua di casa, è sicura e ottima da bere perché certificata da rigorosi controlli periodici dei laboratori aziendali e delle ASL: ha caratteristiche chimico-fisiche che ne garantiscono la qualità e la purezza. Realizzate in collaborazione con i Comuni, le Case hanno anche lo scopo di promuovere una nuova cultura dell’acqua e stimolare comportamenti virtuosi. Bere acqua del rubinetto è una buona abitudine, con tanti vantaggi per i cittadini e l’ambiente. Le Case dell’Acqua in questi anni sono diventate anche un punto d’informazione e aggregazione. Ad oggi esistono 148 Case dell’Acqua sul territorio servito.
Ogni Casa dell’Acqua eroga in media 1500 litri al giorno che corrispondono a 1000 bottiglie di plastica da 1,5 litri.

L’impatto ambientale di ogni Casa in un anno: 365.000 bottiglie risparmiate (pari a 38 tir in meno sulle strade), 12 tonnellate di PET in meno da produrre e smaltire. Abbiamo risparmiato 20 tonnellate di petrolio e 180 mc d’acqua e non abbiamo immesso in atmosfera 17 tonnellate di anidride carbonica (CO2) e 200 kg di monossido di Carbonio (CO).

L’impegno ambientale delle Case dell’Acqua sul territorio: ogni anno risparmiati 55.000.000 di bottiglie, 5.700 tir, 3.000 tonnellate di petrolio, 27.000 mc d’acqua, 2.500 tonnellate di CO2, 30.000 kg di CO.

Partecipa
Iscriversi al Salone è importante perché si possono condividere le scelte del programma culturale e si può partecipare al dibattito sul futuro della CSR e dell'innovazione sociale.
Scarica la scheda di partecipazione

Mandaci le tue idee
Vuoi collaborare alla creazione del programma? Puoi segnalare un tema, un esperto, una case history, un libro etc. inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie tecnici. Devi invece esprimere esplicito consenso all'uso di cookie profilanti.